Quotidiano | Categorie: Ambiente, Fatti

Giardino della Vittoria a Vicenza, aperto dal tardo pomeriggio di giovedì 7 settembre a domenica 10

Di Comunicati Stampa Mercoledi 6 Settembre alle 18:10 | 2 commenti

ArticleImage

Domani aprirà il Giardino della Vittoria che darà la possibilità di godere di una visuale suggestiva della città ai pellegrini che si recheranno a Monte Berico in occasione della festività religiosa dell'8 settembre. Cristina Balbi, assessore alla cura urbana, infatti, ha deciso di aprire provvisoriamente il Giardino della Vittoria che sarà fruibile dal tardo pomeriggio di giovedì 7 settembre fino a domenica 10 settembre. Il cantiere non è ancora completato poiché deve ancora essere montata la rampa che garantirà l'accesso al giardino dal lato del santuario superando le barriere architettoniche. Nelle prossime settimane, a conclusione dei lavori, sarà possibile aprire in modo permanente l'area verde completamente riqualificata.

 

 

 

Leggi tutti gli articoli su: Monte Berico, Cristina Balbi, Giardino della Vittoria

Commenti

Inviato Giovedi 7 Settembre alle 09:01

Importante lavoro di riqualificazione
Inviato Giovedi 7 Settembre alle 13:05

Ma va era meglio prima con la sua storia. Mai sentito di un Giardino della Vittoria, ma di un Piazzale della Vittoria. Chi scrive, forse, non l'ha mai visto. Si apre perché? Forse era chiuso? Montata la rampa? Speriamo che i comunicati stampa finiscano e si ritorni a completare i cantieri aperti, vedi Porta Santa Croce, Viale D'Alviano ecc.. Passeremo successivamente a proteste in LOCO contro questo ANDAZZO con i soldi dei CITTADINI! Amen e cosi sia. Prima finite i lavori, poi inaugurate. Mala tempora currunt.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Martedi 26 Settembre alle 07:34 da kairos
In Sequestro conti correnti Lega Nord, Vicenza Capoluogo: "è solo la giusta conseguenza di un modo sbagliato di intendere la politica"
Gli altri siti del nostro network